Club La Meridiana | Mostra d’arte – IN SINTESI
18640
post-template-default,single,single-post,postid-18640,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,paspartu_enabled,paspartu_on_bottom_fixed,qode_grid_1300,qode-theme-ver-1.0,qode-theme-clublameridiana,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Mostra d’arte – IN SINTESI

Inaugurazione: domenica 6 settembre, ore 18:00

IN SINTESI

Mostra In Sintesi al Club La Meridiana.

In Sintesi è il titolo della mostra di Pittura, Fotografia e Scultura che dopo vari rinvii a causa del Covid-19, inaugura Domenica 6 Settembre  alle ore 18:00 nella villa settecentesca del Club La Meridiana.

La curatrice Barbara Ghisi presenterà al pubblico 5 artisti che hanno optato per un linguaggio essenziale di forme, luci e colori per creare emozioni.
Due le pittrici che tengono mini personali all’interno della villa. Nella sala rosa al primo piano la mantovana Antonella Bertoni diplomata in Architettura e Arredamento, che è approdata alla pittura astratta dopo un lungo percorso attraverso il figurativo, dipinto ad acquerello. La sua è una sintesi sia dell’immagine che del colore. Tra le tante espone un’opera pubblicata sul CAM Catalogo Arte Mondadori 2020 e un’opera premiata alla Triennale di Roma nel 2017. Nella sala verde la milanese Deborah Boniardi laureata in chimica esprime la propria creatività attraverso l’uso delle resine che lei stessa produce nella sua azienda Drama Resine. Le sue opere nascono da un connubio tra lo stato d’animo del momento e le sensazioni della musica che ascolta creando. La sua collezione della serie ResinK mostra leggerezza, delicatezza ed eleganza.
I due fotografi in mostra sono Guido Ballista mantovano d’origine e Ostigliese d’adozione e Giuseppe De Filippo originario di Torre del Greco ma residente da anni a Modena. Guido Ballista propone scatti fotografici in bianco e nero di luoghi alberati attraversati dai raggi del sole. Particolarmente attento all’ambiente, alle rive del fiume Po e alle riserve naturali, nonché alle atmosfere dei parchi. La sua è una sintesi di forme, luci ed ombre celate da una natura silente.  Al suo opposto Giuseppe De Filippo crea scenari teatrali artificiali mischiando liquidi colorati, sostanze incompatibili tra di loro, agitando fonti di luce nel buio, ingigantendo parti di oggetti di uso comune, ecc. Ogni suo scatto fotografico cattura immagini misteriose che suscitano stupore.
Nato a Verona nel 1972 lo scultore, orafo e designer Zeno Finotti, lavora tra il Veneto e la Toscana. Figlio d’arte dello scultore Novello Finotti, porta in villa sculture in bronzo e in marmo di grande eleganza ed essenzialità.  Ha realizzato numerosi monumenti pubblici e molte sue opere sono in importanti collezioni private.

La mostra resterà aperta nel rispetto delle norme anti Covid-19, tutti i giorni dalle 10 alle 19 fino al 30 Settembre, suonare settore sportivo.

Info Cell 328 8662152